Pathfinder Bestiario #6 - Recensione


Il ritmo di rilascio dei manuali di Pathfinder è diminuito. In fondo sta lentamente "morendo" e da quest'anno partirà la nuova serie Starfinder. Però a quanto pare c'è ancora bisogno di mostri per il buon vecchio gioco di ruolo e quindi ecco che è arrivato il 6 bestiario. Come al solito, recensisco direttamente dai manuali inglesi perché io aspettare le traduzioni proprio no.

Ci sono più di 200 mostri in questo manuale. Ci sono templates, nuove razze per i giocatori ed un po' di pesi grossi da far affrontare ai giocatori. In generale c'è molta roba ad alto grado sfida. Si ritorna sui mostri classici ispirati un po' dal folklore, aggiungendo molti Diavoli, Demoni, Daemoni, Draghi Planari, Lord Empirei, Giganti, Clockwork, Golem, Cthulu e chi più ne ha più ne metta. 

A memoria alcuni dei mostri qui presentati sono apparsi prima in altri libri di Pathfinder come le Avventure, ma fa bene averli tutti in un solo posto come al solito. 

I buoni

Arcidiavoli


A me generalmente piacciono i cosi grossi ed apocalittici da combattere. Abbattere una specie di dio con il proprio party è un buon modo per concludere una campagna epica o anche una breve ma ad altissimo livello di potenza. Gli arcidiavoli sono i padroni dell'inferno ed hanno un grado sfida intorno al 30 e funzionano come creature con 10 gradi mitici. Tutti gli arcidiavoli sono delle bestie con tante abilità speciali ed impossibili da abbattere per giocatori poco preparati. C'è Baalzebul, Barbatos, Belial, Dispater, Geryon, Mammon, Mephistopheles e Moloch. 

Il problema di avere mostri del genere è però sempre il solito. Ben si prestano ad essere i veri cattivi dietro le campagne, ma non sempre si arriverà ad un livello così alto da poterli affrontare a viso aperto. Belli da leggere, bello fantasticarci intorno, ma da abbattere rimane sempre un problema.



Cavalieri dell'apocalisse

Io ho un debole per queste quattro figure. In ogni Shin Megami Tensei avevo almeno uno di loro in squadra e adoro i due Darksiders principalmente per il concetto di farmi giocare come cavalieri dell'apocalisse. Qui sono visti come i più grandi dei Daemoni che regnano sulle pianure dell'Abaddon. Ogni cavaliere era un mortale la cui anima divenne un demone nell'aldilà fino a diventare un Cavaliere. Ovviamente un master può poi cambiare quanto del background vuole, ma vedere Guerra, Pestilenza, Carestia e Morte con delle statistiche fa sempre piacere.







Wild Hunt

L'altro nemico che mi piace e che è anche usabile a più livelli in una possibile campagna è la caccia selvaggia. Non quella di The Witcher, ma quella più classica. Fate che cacciano specifici bersagli tra i mondi. Il bestiario ci presenta arcieri di grado sfida 13, i loro cavalli ad 11, i loro mastini a 10 i loro scout a 15 ed i loro monarchi a 19. Insieme possono formare un ottimo scontro finale e possono funzionare bene come nemici da "seconda parte di avventura".
















I Brutti

Tutti gli ooze e gli insetti.
A me fanno schifo. Ed in questo manuale ne ho visti troppi per i miei gusti.







COSA

Kamaitachi

Questa è una fata di dimensioni medie, allineamento caotico malvagio che vive per causare dolore. Solo che tipo è uno scoiattolo con delle lame al posto dei piedi. COSA. Ed ha anche un grado sfida di 13.
















GluttonGrass
Un mostro di grado sfida 1. Ed è erba. Si nutre dal terreno da cadaveri, sangue o roba del genere e cresce nelle zone dove la gente muore per carestia. E tipo si pianta nel terreno ed attacca con i suoi fili la gente che passa. Non so se considerarlo straordinario o incredibilmente stupido.

Per i giocatori
Ci sono 5 nuove razze per giocatori.


I Munavri sono degli umanoidi che vivono negli oceani sotterranei e hanno poteri psionici innati. Le loro statistiche sono straordinarie, avendo resistenza agli incantesimi, telepatia, scurovisione a 36 metri ed un fantastico -2 forza, +4 destrezza, +2 a tutte le altre. Pagano questo allo stesso modo dei Drow: con l'accecamento di fronte alla luce. Insomma, un paio di Rayban e si risolve il problema. I Naiad sono invece delle creature di tipo fata, protettori di fiumi, lagi, ruscelli e cose del genere. Qualcuno li vede come discendenti di ninfee e umani. +2 a destrezza e carisma, -2 a forza, visione crepuscolare e capacità di rinforzarsi guadagnando forza da corpi d'acqua. I Rougarou sono degli umanoidi con testa di lupo in grado di trasformarsi in lupo. Sembrano quindi dei mannari, anche se sono in realtà tutt'altro e soprattutto civilizzati. +2 a forza e saggezza, -2 a intelligenza, cambiare forma in lupo, attacchi naturali sotto forma di morso, visione crepuscolare ed olfatto. Gli Yaddithian vengono fuori direttamente da Lovecraft. Sono un'antica razza di viaggiatori stellari e studiosi. Ottimi maghi, con i loro +2 ad intelligenza con un -2 a saggezza e con l'abilità di avere tutti i loro incantesimi nella loro testa invece che nel loro libro. E poi ci sono i Monkey Goblin, Goblin che si sono adattati a vivere nelle foreste tropicali. Hanno la coda prensile. Per il resto sono dei cazzo di goblin.

Per i Master

Un'interessante aggiunta in questo Bestiario è il tipo di mostro classificabile come Truppa, o Troop. Praticamente ci sono le regole per creare un gruppo di combattenti come un'unica entità invece che gestirli singolarmente. Molto comodo quando i personaggi sono molto potenti e c'è bisogno di ammassare gente debole senza rallentare troppo il gioco. Avendo giocato con il sistema delle orde in Deathwatch RPG, posso dire che avere regole del genere è molto comodo. Certo, averle buttate qui nel 6° Bestiario, quasi come un extra alla fine del libro non è il massimo.


Conclusione
Ora, dopo questa breve carrellata spoiler, cosa ne penso di questo bestiario? Molto comodo se si è alla ricerca di roba grossa da far affrontare ai giocatori e se si ha bisogno di qualche altro mostro classico. Purtroppo secondo me molta roba va sprecata nell'inutilità, ma sono sicuro che questo varia da Master a Master, ognuno con le sue folli idee. Lo trovo un libro meglio riuscito come assortimento rispetto al bestiario 5. Unico vero difetto sono gli artwork, di qualità un po' bassa per lo standard di Pathfinder. Quando arriverà in italiano teneteci un occhio.

Stay Classy, Internet

Nessun commento:

Posta un commento