Playstation 4.5: Si, No, Boh? SPECULATIONS!

Tutti a parlare di rumor di NX e Playstation 4.5 in questo periodo ed io su Disqus a dire cose a caso random a destra e sinistra..... Vediamo di mettere un po' di pensieri in un post qui, dai.








Allora, cosa è tutto questo rumoreggiare di recente sulla PS4.5?

Ebbene, a quanto pare, da numerose voci di corridoio, la Sony sarebbe intenzionata a mettere sul mercato una versione più potente della Playstation 4, con una GPU maggiorata addirittura del doppio e supporto al 4k ed alla VR più spinta.
Ipotesi avvalorata da più fonti, con tanto di AMD che arriva a dire che per il 2016 ha in cantiere due nuovi chip semi custom in ambito gaming, quindi se uno fa 2+2 questi due nuovi chip sarebbero la PS4.5 e il Nintendo NX, altro all'orizzonte non c'è.

Per la PS 4.5 ci sono due linee di pensiero su cosa esattamente sarà. La prima è quella conservativa e si rifà al concetto delle versioni Slim. Processo produttivo minore per CPU e GPU, cambiamento della disposizione dei componenti sulla scheda per essere più efficiente ed integrazione di tecnologie più moderne di I/O.
Vi ricordate l'Xbox 360, il primo modello Core? Non aveva l'HDMI. Poi questa divenne standard sui modelli successivi. Si parla quindi di una PS4.5 che integra il supporto agli UHD Blue Ray e con un nuovo upscaler per gestire film e forse anche videogiochi in 4k. Si ipotizza anche che abbia integrato il baracchino del sensore VR della Sony, così da non avere altri aggeggi in giro. Un upgrade del genere sarebbe normale nel ciclo vitale di un prodotto e non altererebbe gli equilibri vigenti.
La seconda linea di pensiero vede invece la PS4.5 un vero e proprio upgrade hardware, con più potenza sotto la scocca. E questo potrebbe creare una spaccatura non di poco nell'utenza di ormai 40 milioni di console vendute.

La storia degli upgrade delle console non è nuova. Il Sega Mega Drive è uno degli esempi più famosi. Se avete voglia e tempo e masticate l'inglese consiglio di vedere i video dell'AVGN sul Sega CD e sul Sega 32X per capire cosa può comportare un upgrade console andato male. Anche il Nintendo 64 offriva uno slot di espansione per memoria RAM aggiuntiva che permetteva di giocare a giochi coem Majora's Mask per esempio.
Il mondo delle console portatili ha visto Nintendo buttare fuori versioni migliorate delle loro console con un ritmo costante. Il Gameboy Color rispetto al primo gameboy, il Nintendo DSi rispetto al DS ed il New 3DS rispetto al 3DS. Anche Sony produsse una PSP successiva con processore a frequenza maggiore.
La questione upgrade si può vedere anche applicata alle periferiche extra. Il Kinect per l'Xbox 360, il Wiimote Plus per la Wii e così via.

La questione dell'upgrade però è vista in maniera molto diversa per le console e per i PC ed è qui la differenza più grande. Io tendo a distinguere due diversi tipi di upgrade: funzionali e prestazionali. I primi aggiungono funzioni extra non presenti nel modello originale i secondi aumentano solo la potenza di calcolo della macchina. Su PC gli upgrade prestazionali sono tutti retroattivi. Cambio scheda grafica o processore? Il mio PC ed identità al suo interno rimane la stessa, ma tutti gli applicativi, vecchi o nuovi possono beneficiare di questo miglioramento. Certo non è una regola universale e dopo un po' il salto tecnologico impone degli abbandoni e delle perdite, ma in generale è così.
Crysis appena uscito non girava maxato su niente. Ci sono volute nuove GPU per farlo andare al meglio. Ed è prassi per i giocatori PC appena cambiano hardware, di reinstallare il gioco che sulla loro vecchia configurazione girava peggio o con dettagli minimi e rigiocarci al massimo della gloria.
Questo perché i giochi su PC sono programmati ad un livello alto. Io non so a priori su che macchina andrò a girare, quindi gli ambienti di programmazione comunicano col il sistema operativo e con i vari driver e saranno questi ultimi ad allocare le risorse al meglio per far girare il codice del gioco.
Su console invece le cose sono leggermente diverse. L'hardware è fisso e quindi gli strumenti di sviluppo non comunicano con dei layer astratti che poi a loro volta vanno a comunicare con l'hardware, ma comunicano in modo diretto con l'hardware e si possono ottenere in questo modo ottimizzazioni migliori, ma l'effetto che questo porta è che se l'hardware cambia, va riscritto il codice.
Prendiamo il New Nintendo 3DS. L'unico vantaggio che si trasmette sui vecchi giochi sono i tempi di caricamento perché quelli vengono gestiti in modo generale dal sistema, ma una volta che il gioco è in esecuzione, lui lavora solo con l'hardware che sapeva esistere quando è stato programmato. Niente miglior framerate niente migliori effetti. I giochi invece più recenti, sono fatti anche con il New 3DS in mente e se vedono il nuovo hardware sfruttano le nuove risorse con performance ed effetti migliori.
La cosa quindi è sempre stata molto binaria. Introdurre una PS4.5 non porterebbe un miglioramento delle performance dei vecchi giochi perché i vecchi giochi non sono programmati per vedere la maggior potenza della scheda grafica. Che tipo di upgrade quindi sarebbe? A conti fatti è visibile come una nuova console con retrocompatibilità, non un upgrade incrementale come nel mondo PC.

Ma perché dovrebbe arrivare una PS 4.5 in così poco tempo? Quali sono i limiti di questa generazione, perché dovrebbe servire un'evoluzione dopo solo 3 anni? E soprattutto, può funzionare?


Prendiamo ancora una volta il New 3DS come esempio. A livello di sistema c'è stato un miglioramento, ora la console non è più lenta in ogni singola cosa, ma è più scattante e l'esperienza utente è migliorata sensibilmente. Poi integra il lettore di amiibo e il circle pad pro, aggiunte di comodità non da poco.
I giochi invece? Ci si ritrova in tre diverse situazioni. La prima è che non cambia assolutamente nulla. Ci sono giochi che fatti girare su Old e New non hanno vantaggi sostanziali. Questo è il caso con tutti i giochi fatti prima del rilascio del New per le motivazioni che ho spiegato prima, ma anche con giochi più modesti fatti con entrambe le piattaforme in vendita. Il secondo caso è produrre prodotti esclusivi per la console nuova lasciando quelli con la vecchia a bocca asciutta. Un esempio di questo sono giochi esclusivi come Xenoblade Chronicles 3D e Binding of Isaac oppure la Virtual Console dello SNES. Qui si crea un problema doppio. Se non sono abbastanza, chi ha preso la console pensando in un upgrade sostanziale si ritrova con un ritorno dell'investimento limitato, mentre se sono troppi, chi non è passato si sente preso per i fondelli perché in fondo la console è sempre la stessa non è stato presentata come piattaforma successiva. Il terzo caso è quello potenzialmente peggiore, ovvero avere prodotti che hanno prestazioni diverse sulle due versioni ma con svantaggi evidenti sulla piattaforma più vecchia.
Un esempio recente è Hyrule Warriors Legends, che ha un framerate di 30 fps abbastanza stabili su New 3DS, ma su Old il framerate si aggira sui 20 e sotto, rendendo il gioco uno strazio da giocare.

Si fa una mossa del genere di solito quando ci si rende conto che il proprio prodotto o fa talmente schifo che non se lo caga nessuno e ci vuole un nuovo modo per trainare le vendite oppure per dare un boost a vendite in calo. Per il 3DS è stato così: la portatile di Nintendo stava perdendo vendite e ci voleva una qualche novità per vendere più hardware e quindi hanno inventato il New 3DS. Anche le versioni Slim delle consoel casalingeh arrivano quando si possono ridurre i costi di produzioni e ridare un boost alle vendite.
La Sony non si trova in una posizione simile. La Ps4 vende uno sfracello di unità e non accenna a smettere.
Perché quindi dovrebbero proprio ora buttare fuori una console di mezzo? Creerebbe a mio parere solo un sacco di casino e confusione e possibile backlash mediatico se confermato, certo non al pari del casino dell'Xbox One alla presentazione però potrebbe fare più danni che altro. A meno che Sony non sia estremamente convinta di saltare sul baracchino del VR a tutti i costi.

Per il VR serve potenza bruta, cosa che la PS4 assolutamente non ha. Se c'è una cosa che queste generazione ha fallito di darci sono giochi che girano decentemente. Pochi sono quelli che riescono a mantenere il loro framerate per la maggior parte del giocato. Il VR è così intensivo che Sony ha optato per aggirare la cosa usando un sistema di interpolazione per simulare i 120fps partendo da un output di 60fps e con giochi di una complessità grafica estremamente ridotta.
Su PC si parla invece di tutt'altre caratteristiche e tutt'altri costi. La Sony potrebbe voler produrre una console più capace. Ma a questo punto sarebbe in dubbio il design stesso del PS VR. È fatto per essere il più economico e non l'high end. Per andare su PS4. Fare uscire una PS4.5 per il VR, più costosa, andrebbe a devastare l'user base che sarà divisa tra chi ha il VR su PS4 e chi su PS4.5.
Vi ricordate il Wiimote Plus? Quel coso che faceva finalmente funzionare in modo decente il Wiimote? Quanti giochi l'hanno veramente sfruttato? Pochi. Lo sforzo non vale la candela.

Per questi motivi non credo che la Sony sia interessata ad introdurre un elemento così problematico che potrebbe solo spaccare l'utenza proprio mentre sta vendendo vagonate di roba. Per poter introdurre sul mercato console fisse upgradabili bisogna ripensare le console esattamente come dei PC, sia a livello di programmazione, che a livello di mentalità dietro. E non è una cosa così semplice o immediata, perché a quanto pare è un'idea a compartimenti stagni. Oramai abbiamo accettato che esce un nuovo cellulare top di gamma da 800€ ogni anno o addirittura ogni 6 mesi, creando un circolo di obsolescenza non da poco, tanto da pensare di cambiare cellulare ogni anno o ogni 2 anni, specie con device presi in contratto e cose del genere. Le console portatili riescono a farsi passare 3-4 redesign nel corso della loro vita. Le console fisse no. Puoi rimpicciorirla, farla di forma diversa, ma dentro deve essere sempre la stessa cosa. Io concentrerei i miei sforzi per una Playstation 5, non per una 4.5.

Voi che ne pensate? Verità, rumor, cosa odiata o speranza?

Nessun commento:

Posta un commento