Lucca Comics 2014 - il ritorno & gli acquisti

Lucca Comics & Games 2014 è finita.
Durata dal 31 ottobre al 2 novembre come al solito, mi ha visto sul posto nei giorni di sabato e domenica, insieme a tutta la ciurmaglia del Prophet Network ed altri amici.

Sono riuscito a vedermi per la prima volta con alcuni forumensi? Forumpeople? Vabbè, della gente di Gbarl.it.

Come sempre, ci vado più per passare del tempo insieme agli amici più che per far compere, quindi quello con il quale sono tornato lo vedete in questa foto: poca roba.


(mi scuso in anticipo se le foto hanno luce e/o focus a caso ma lo Z7 mini proprio non ce la fa ad essere costante in come fotografa)





Mentre altri tornavano a casa con spade di Zelda, Gundam di ogni forma e dimensione, io mi accontento di pochi fumetti che potevo comprare anche alla fumetteria vicino casa.

Ovviamente lo stop obbligato è quello allo stand Panini. Oramai, tra Marvel, Ratman e Disney hanno un po' il monopolio.

Quindi si prende l'ultimo numero di Rat-Man come da tradizione. Lotta nell'Abisso. L'ho letto. Ho ancora i brividi. Sto adorando tantissimo il tono che sta prendendo la serie con gli ultimi numeri, mescola benissimo il cupo con il suo humor stupidissimo.

Curiosissimo per come arriverà a concludere la vicenda che è di una devastanza unica.


L'altro fumetto è Star Rats Episodio II. Sono 6 anni (o più) che lo aspettiamo, tra tutte le false promesse di Leo Ortolani.
Ora è arrivato. Ed è... bellino ma boh. Cioè, non è un problema di Ortolani di per se, ma del fatto che doveva fare una parodia di "La guerra dei cloni" di Star Wars, uno dei film più trinciaballe che io abbia mai visto. Dove non succede NULLA. Fare una parodia sul nulla è un po' difficile. Il risultato è simpatico, ma non lo metterei tra le migliori parodie di Leo. Meglio di Avarat, sotto gli altri Star Rats, 299+1 ed al Signore dei Ratti. Almeno secondo il mio modesto parere.

Poi si passa alla Disney. Onestamente non dovevo comprare nulla, ma capita sempre che vedo roba da ufo della quale non ero a conoscenza e quindi ci butto soldi sopra, come il grandiosissimo Moby Dick rifatto in salsa Disney uscito tempo fa.
Ho preso due raccolte, una di Double Duck e l'altra di Fantomious e la terza ristampa "giant" di PKNA, nel suo primo numero: Evroniani.
Double Duck è una di quelle belle sorprese della Disney degli ultimi anni. Storie alla 007 con Paperino come protagonista. Lette a caso per sbaglio su topolini sparsi, visto che non lo seguo più come una volta, questa raccolta prende 7 missioni della fantastica spia, ambientate in giro per il globo. Tutte molto belle, per me rappresenta un ottimo cofanetto di avventure per DD.
Il Volume 1 di Fantomious è puro genio a mio avviso. Finalmente una serie di storie dedicate al precursore di Paperinik, questo ladro gentiluomo che "ASSOLUTAMENTE NON È DIABOLIK", tirate fuori dalla mente di Marco Gervasio.
Sono 4 storie autoconclusive, piacevolissime da leggere e per una volta si fa il tifo per il cattivo. Il formato più grande rispetto a quello di Topolino aiuta molto la godibilità delle store.

E poi c'è lui. Il primo numero di PKNA in 3a ristampa. Non mi voglio soffermare troppo, forse lo farò in un altro post, ma io considero PKNA il miglior fumetto di sempre. E ad oggi nulla mi ha mai fatto cambiare idea. Io ho quasi tutti i numeri della prima edizione ma non tutti ottenuti in modo standard. Evroniani ad esempio l'ho letto perché faceva parte di una raccolta di avventure di PK che ho comprato dopo, ma non ho mai posseduto il numero #1 originale. Non potevo non prenderlo.

Poi arrivano le sorprese. Quest'anno sono andato a Lucca non curandomi di chi ci fosse, perché eravamo in gruppone. Anche se poi ci siamo persi un sacco di volte.
Ecco che quindi, domenica, passeggiando allegramente nello stand gaming, leggo un nome in lontananza. Wayne Reynolds. Mi fermo un secondo. Ragiono. Collego il nome a qualcosa. E muoio sul posto.
Il leggendario illustratore di praticamente ogni personaggio sui libri ufficiali di Pathfinder era lì a Lucca.

Se c'è una cosa per la quale io ed un mio amico di giù andiamo costantemente in visibilio per Pathfinder, sono proprio i disegni. E beh, uno lì che fa? Vede se vende illustrazioni e ci si fa fare un autografo o una dedica.
Era tipo quasi tutto finito e quindi ho preso l'unica cosa rimasta che mi piaceva, una stampa di Ezren, il mago iconico di Pathfinder e via la dedica e la firma strana di Raynolds.

C'era anche in giro il libro che racchiudeva i suoi artwork, così mi dicevano, ma al suo stand non c'era e nel casino totale del resto non l'ho proprio visto.

Questo andrà tipo sottovuoto.

E poi, grazie al buon Phobox, uomo con stipendio da dilapidare, ho ottenuto questa:


Ora ho un'altra busta di Ratman, più piccola di quella di Allen, con la quale andare a fare la spesa. FANTASTICO.

Stay Classy, Internet.

1 commento: