Se tutto fosse semplice e chiaro, farebbe schifo (A.K.A. Bravely Default: PERCHEEEEEEEé!?!?!?!?!?!?)


Bravely Default. Sarebbe potuto essere un qualcosa di grande e di “nuovo”, ma purtroppo, dobbiamo accontentarci di aver ricevuto un qualcosa solamente più che decente, con le solite complicazioni non necessarie che sembrano pervadere molto le trame di ogni cosa recentemente.
Attenzione, Spoiler a ruota libera. Se non avete finito questo gioco, non leggete oltre!





Bene, allora, iniziamo subito dicendo quello che mi ha convinto e che non ha bisogno di essere discussa : la grafica, il sistema di battaglia e la musica sono davvero ottimi. Poche sbavature, molto “feeling”, ottima atmosfera e quel gusto retro ma moderno che davvero forma un bell'insieme.
Ora, passiamo alle note dolenti, o almeno che mi hanno fatto storcere il naso parecchio.
Il mio approccio ed entusiasmo verso questo gioco sono variati molto nel corso del tempo. Appena annunciato, come successore spirituale di FF:4 heroes of light, avevo già il timore che si sarebbe rivelato un altro JRPG pieno di meccaniche antiquate e con personaggi e storia insignificanti. Poi le notizia della presenza di un arco narrativo decentemente formato mi ha fatto sperare e il poter giocare alla demo mi ha chiarito bene come funzionasse il sistema di combattimento, che è sì vecchio stile, ma svecchiato, almeno in un senso di comodità di approccio.
Quindi, ho imbracciato il gioco, colmo di buone speranze e con un po’ di hype.
Il gioco è andato liscissimo fino alla fine del 4 capitolo. Colpi di scena, retroscena, cattivi di ogni sorta che risultavano essere stranamente caratterizzati più che nella media del genere, combattimenti impegnativi ma mai troppo ostici finché…

Chi ha scritto il gioco, Naotaka HaYashi, già famoso per aver scritto quel macello assurdo di Stenis:Gate decide di far continuare il tutto nel capitolo 5, che risulta essere un mondo parallelo.
Ora, c’è una regola, personale ovviamente, che io mi impongo, ogni volta che scrivo ambientazioni per giochi di ruolo. MAI E POI MAI USARE DIMENSIONI ALTERNATIVE O VIAGGI TEMPORALI. Perché, non importa quanto uno può essere bravo, le possibilità di rendere la storia come un groviera aumentano a dismisura. Non solo, c’è la possibilità di creare situazioni che facilmente sono contraddittorie.
Questo è uno dei motivi che mi ha fatto inalberare parecchio anche nel nuovo Fire Emblem Awakening. Però vabbè, quella è un’altra storia.
Bravely Default, dal capitolo 5 cambia radicalmente. Ora bisogna rifare tutto da capo, con un backtracking totale. Per fortuna esiste la possibilità di eliminare gli incontri casuali. Questa parte nel gioco originale che non prevedeva le opzioni di regolazione incontri, mi avrebbe onestamente fatto gettare la spugna.
Esplorare una dimensione alternativa ha i suoi pregi, ed effettivamente, è possibile scorgere un po’ di differenze, ma il mondo risulta essere particolarmente vuoto.

Strano che non molti dei recensori online si sono soffermati su questa parte del gioco. è un po' come avere una buona torta, che dovo averla mangiata ed essere contenti di averlo fatto, riapparisse e si forzasse nel tuo stomaco. Cioè, c'è un limite su!

Ora questo processo, insieme al noiosissimo premere X per risvegliare i cristalli interrotti sempre dalla vocina di Airy che dice: JUST A LITTLE LONGER!, va ripetuto per altre 3 volte, fino al termine del capitolo 8.
A quel punto, la storia ha ancora una sorta di senso, ma il ripercorrere sempre gli stessi luoghi a fare sempre le stesse cose davvero raggiunge livelli da scartavetramento di zebedei.

E poi, il vero finale arriva. Giù come un torrente di nonsense che a malapena sta in piedi, in un tentativo di metagaming che rompe quasi ogni struttura logica stabilita prima di quel momento nel mondo.
Dal sacrificio di De Rosso… che a quanto pare è il De Rosso di un’altra dimensione, quindi legami emotivi con lui effettivi sono nulli, alla concezione della presenza di più eroi della luce che combattono più Airy dopo che è stato detto che lei è una sola, alla scena senza né capo né coda di un Ringabel-Alternis che sembra salvare altri eroi della luce, ancora, da un'altra Airy…. Possibilmente instaurando una concezione di viaggio temporale che causerebbe il crollo dell’intera storia del gioco e della mente dei poveri giocatori…
Una persona, dovrebbe essere eccitata, o comunque guardare speranzoso il sequel, Bravely Second, che arriverà, si spera, tra un po’ ma non troppo….
Ma uno come può auspicare qualcosa dal futuro di un mondo, che finisce in un modo che apparentemente scardina ogni singola struttura logico narrativa e di causa-effetto costruita in una 50na di ore di gioco, semplicemente perché avere della gente parlare per dire le cose come stanno, è qualcosa che nei mondi JRPG non accade?

Ripensando un po’ anche alla storia principale, effettivamente, si sarebbe potuto risolvere tutto molto prima, con una semplice spiegazione da parte dei cattivi, invece loro stessi sono quelli che vanno a dire: “no, ciò che state facendo è sbagliato, ma non potete capire il perché”. Ma quello oramai è un cliché accettato.

E poi, che dire dei personaggi principali, che non hanno una minima reazione quando il cattivone rivela che Tiz ha dentro di se un essere celestiale? Cioè, io lì ho fatto un’espressione da WTF, mentre per il gioco, sembrava quasi un brusio nel sottofondo.

Che poi pone la seguente questione: gli inferi ed il paradiso, sono stati identificati come unici rispetto alle migliaia di Luxendarc.. Quindi vuol dire che la figura angelica andava anche lei di Tiz in Tiz ogni volta che Airy si spostava? Ma se fosse così, allora come possono coesistere più eroi della luce su diversi “mondi dei giocatori”? Va bene, si spiega tutto con: il mondo celeste è la Terra ed il giocatore è l'angelo che entra in Tiz. Però non risolve tutte le domande che mi frullano per la testa.

Perché non si riesce più a scrivere un qualcosa che abbia senso dall’inizio alla fine? 

Seriamente, davvero scrivere cose lineari e semplici è qualcosa riservato solo a Mario e Zelda e tutto il resto deve sempre tentare qualche colpo gobbo che gli si rivolta contro?

Comunque, malgrado tutte queste lamentele che vado a scrivere qui, Bravely Default è in generale un buon “nuovo inizio” per Square…. Vediamo quanti episodi hanno bisogno per rovinarlo del tutto….
Tette!  BS > BD. FACT!

Nessun commento:

Posta un commento