Batman Arkham Knight - Recensione

AKcover
Piattaforme: PC (giocata) /PS4 / Xbox One Data di uscita: 23 giugno 2015
Batman Arkham Knight è finalmente uscito sul finire di giugno dopo un 6 mesi di rimandi. Questo capitolo è di grande importanza visto il suo essere la conclusione della trilogia dei giochi di Arkham. Si, ho detto trilogia, perché così c’è scritto dietro la scatola, a quanto pare nessuno considera Arkham Origin. Gli sviluppatori Rocksteady ci han messo tutta la loro anima nel portarci la loro ultima fatica, il loro primo gioco next gen e la fine del cavaliere oscuro…… e poi io mi prendo la versione PC. Ed è un porting da far schifo. Superato il terribile impatto iniziale, trovo la forza di giocarlo tutto…. e devo dire, l’aspetto tecnico non è l’unica cosa che mi ha fatto storcere il naso.
Io sono la vendetta
2015-07-06_00002
L’Arkham Knight non vi stupirà mai.
La storia di Arkham Knight è ambientata qualche tempo dopo il finale di Batman Arkham City. Joker è morto, e le cose sembrano andare come solito. Poi di punto in bianco, lo Spaventapasseri, un nemico di quelli di basso rango tra tutti gli avversari di Batman, si improvvisa cattivone di turno e minaccia di spargere il suo gas della paura in tutta Gotham. In poche ore la città viene evacuata totalmente, lasciandola piena di malviventi. Crane non è da solo in questo, perché si fa aiutare da un esercito attrezzatissimo e pieno di droni da combattimento, comandato dall’Arkham Knight, un misterioso figuro che sembra avere delle questioni personali in sospeso con Batman.
L’assurdità della trama si evince fin dalle prime battute e l’inizio del gioco è estremamente lento, stupido e stereotipato. Mano a mano che si procede con la storia, che dura di per se una decina di ore, questa presenta molti colpi di scena, con un paio purtroppo molto telegrafati, e momenti abbastanza memorabili. Il problema è la costanza della qualità dell’incedere della storia. A volte ci troviamo di fronte a scene così belle e pesanti che lasciano una forte impronta emotiva sul giocatore, altre volte assistiamo a personaggi che fanno scelte di dubbia utilità con dialoghi che arrivano dai peggiori fumetti del pipistrello. Soprattutto Batman. Il cavaliere oscuro può essere descritto come avente una scopa del culo per tutta la durata del gioco. Davvero più intrattabile del solito. Con il suo negare costantemente aiuto, con la sua stupida testardaggine. Il gioco riporta alle luci della ribalta Joker in modo molto sapiente ed astuto ed effettivamente si rafforza ancora l’idea che Batman è un personaggio terribile mentre Joker è la vera star. I suoi dialoghi sono stellari e sempre sul punto e la performance di Riccardo Peroni è perfetta come di consueto. Va detto, salva il pacchetto. Il premio invece per peggior personaggio del gioco va all’Arkham Knight. I suoi dialoghi sono scontati, è un personaggio noioso, fatto di frasi fatte e cliché, che parla, parla, parla e non fa nulla. Quasi quasi preferisco starmi a sentire gli sproloqui di Enigma piuttosto che avere a che fare con lui.
Come ho detto in apertura: questo è un finale della saga. Il finale è potente? Si quello si. C’è da fare il gioco al 100% (si, inclusi gli odiosissimi trofei di Nigma) per vedere una scena extra molto simpatica ed onestamente vale la pena.
Io sono la notte
2015-07-12_00009
La Gravità sarà spesso ignorata dal Bat-Tank
Il gameplay questa volta è duplice, in quanto avremo Batman appiedato ed a bordo della sua fidata Batmobile. Quando saremo a piedi il gioco si comporta esattamente come ogni altro Arkham. Combattimento free-flow tipico della serie, leggermente più raffinato rispetto al passato, con il solito sistema combo per concatenare attacchi e contrattacchi ed infilarci in mezzo delle tecniche da KO immediato molto sceniche. L’utilizzo dei gadget è molto inferiore al passato, con enigmi e puzzle ambientali molto più semplici e molto più radi rispetto al passato. L’enfasi è posta tutta nelle lotte e nella ripulitura delle stanze. Questa cosa mi è dispiaciuta non poco, in quanto una delle cose più belle dei vecchi Arkham era proprio la scoperta e l’uso dei vari gadget per proseguire nella storia. Si userà invece un po’ più spesso tutta la strumentazione extra di Batman, principalmente scanner e computer, per raccogliere prove e ricostruire scene del crimine, per mettere un po’ in mostra il grande detective che c’è in Batman, in modo a mio parere riuscito solo a metà. Alcune sequenze sono molto in autopilota, dove il giocatore deve solo eseguire senza pensare altre invece richiedono la partecipazione attiva e sono invece molto soddisfacenti da risolvere. Anche qui, la qualità non è proprio molto consistente.
In alcuni frangenti Batman combatterà al fianco di Robin o altri. Dai trailer sembrava una feature molto più importante di quanto non lo sia in realtà. Avere un compagno di fianco semplicemente da un’opzione KO scenico in più. Usare i vari aiutanti di Batman però è un buon diversivo.
L’altra parte è quella dedicata alla Batmobile ed è tutta nuova. Ed è terribile. È la cosa meno Batman di tutto il gioco. La macchina ha una modalità alternativa, nella quale si trasforma in un carro armato, con tanto di torretta con cannone da 60mm e minigun. E poi mi dicono per tutto il gioco che Batman non uccide. Il livello di disconnessione tra quello che fa il giocatore e come dovrebbe agire Batman inizia a risultare un po’ sconcertante, specie quando si investe un’auto con dei banditi e questa esplode violentemente per l’impatto….
2015-07-12_00013
Uno dei gadget storici in azione. Notare il glitch grafico nell’acqua
L’Arkham Knight dispone di un esercito di droni, così che Batman può distruggerli senza problemi in quanto sono tutti teleoperati ed il gioco forza tantissimo sezioni di distruggi ogni cosa al giocatore. Queste sezioni non sono molto divertenti, in quanto le opzioni tattiche della Batmobile sono limitate, i nemici sono tanti ed arrivano da tutte le direzioni e stonano parecchio con tutto il resto concettualmente. Batman è sempre stato un personaggio reso forte dal suo confronto faccia a faccia con i suoi nemici. Metterlo in un carro armato per distruggere ondate di droni senza personalità, con solo il chatter dei nemici via radio è uno spreco di tempo e di risorse. Questo si ricollega anche alla natura open world del gioco. Ora ci sono delle missioni secondarie che si basano sul liberare la città ripulendo le torri di controllo ed i posto di blocco dei nemici e distruggere tutte le loro unità. Una cosa noiosissima da fare e che sembra messa lì perché ci deve essere in un gioco open world altrimenti non è tale. Un altro esempio della forzatura e del sovrautilizzo della Batmobile c’è nelle sfide dell’Enigmista. Strane stanze da risolvere facendo cose assurde? Giammai. Per dimostrare il suo intelletto superiore, Nigma ha costruito delle piste enormi per la Batmobile nei sotterranei di Gotham. Nonsense, nonsense puro. Per fortuna le stanze con enigmi ci sono ancora, ma sono dannatamente semplici e ridotte rispetto al passato.
Nelle missioni secondarie c’è qualche twist in più al gameplay ma spesso queste aggiunte risultano essere inutili, come pedinare i camion del Pinguino che risulta fin troppo noioso, o fermare gli uomini di Due Facce prima che svuotino una banca di tutti i suoi averi, con una sorta di fattore fretta, che però non risulta molto efficace per accelerare le azioni del giocatore.
Io sono Batman
2015-07-12_00014
Le texture in bassa risoluzione sono una piaga su PC. Su Console tutto apposto invece.
Tecnicamente il gioco è allo stesso tempo miracoloso e terribile. Miracoloso perché gira ancora su Unreal Engine 3 ed è un gioco senza il minimo caricamento se non quello iniziale e a morte di Batman. La tecnologia di streaming è molto complessa ed infatti funziona solo su console. Su PC, il porting è stato gestito dagli Iron Galaxy, che fecero già il porting di Arkham Origins, stracolmo di bug. In questo caso però i problemi sono solo di natura tecnica. Il gioco consuma un quantitativo di RAM assurdo senza effettivamente farne uso. Se nei primi minuti il gioco sembra funzionare, più si gioca e più le texture in alta definizione per gli ambienti non vengono caricate. Inoltre il gioco gira da schifo a meno che non abbiate una buona macchina. Sulla mia 970 mantengo i 30 fps stabili con ogni effetto abilitato, ma il V-sync implementato nel gioco, così come l’AA sono orridi e bisogno smacchinare un po’ con le impostazioni dei file di configurazione per migliorare la situazione. Considerate che Warner Bros ha bloccato la vendita della versione per PC del gioco ed al momento della scrittura di questa recensione ancora on è stato risolto niente. Tutto questo non mi ha fermato, perché ho avuto un’esperienza stabile.

[Aggiornamento] In Settembre 2015 è uscita una patch correttiva che sistema un po' il gioco. I problemi di texture e caching sono ridotti, ci sono opzioni grafiche aggiuntive ed il gioco gira meglio, riuscendo a stare sui 60 fps sulla mia configurazione. Purtroppo non è un miglioramento per tutti e richiede una macchina con molta RAM per girare davvero bene. Rimane un lavoro non proprio eccelso, ma ora è più godibile rispetto a prima.
Insomma cosa abbiamo qui? Il capitolo finale di una saga, che inserisce roba fuori luogo e la forza sul giocatore, che ha uno script terribile che si salva solo in punti ben specifici e che nasconde il punto di forza del suo gioco dietro ad una montagna di roba inutile. Tutto sommato non è brutto, sa intrattenere e per gli amanti di Batman c’è carne al fuoco e divertimento, solo che come finale, si doveva fare molto di più.
Stay Classy, Internet.

Nessun commento:

Posta un commento